Correnti Diadinamiche


ELETTROTERAPIE E CORRENTI DIADINAMICHE


Le correnti diadinamiche sono formate da onde con impulsi unidirezionali e sempre positivi, queste onde si ottengono modificando la corrente elettrica sinusoidale a bassa frequenza e combinandole e modulandole tra loro.

Le correnti diadinamiche state scoperte nel 1929 da Pierre Bernard e le diverse combinazioni di impulsi di corrente diadinamiche danno origine a diverse correnti:
- corrente monofase
- corrente difase
- corrente a corto periodo
- corrente a lungo periodo
- corrente sincopata

Le correnti diadinamiche con corrente monofase fissa sono costituiti da impulsi emisinusoidali della durata di 10 msec, seguiti da pause della stessa durata e con la frequenza della corrente di 50 Hz. . Le correnti diadinamiche con  corrente difase fissa sono composte da impulsi emisinusoidali della durata di 10 msec non seguiti da pause e con la frequenza della corrente di 100 Hz.

Le correnti diadinamiche con  corrente corto periodo sono modulate ad ogni secondo e si alternano la corrente monofase e la difase; Le correnti diadinamiche con  corrente lungo periodo sono composte da corrente monofase e la difase che si alternano per un tempo maggiore.; Le correnti diadinamiche con  corrente sincopata sono costituite da corrente monofase ad interruzione:  per un secondo ed interrotta per un altro secondo o per 2,5 secondi ed interrotta per altri 2,5 secondi.

Gli effetti terapeutici delle correnti diadinamiche sono diversi come effetto analgesico, trofico ed eccitomotorio.
 La terapia con correnti diadinamiche viene fatta tramite due elettrodi con grandezze in base all'area da trattare, in cui viene posizionato l'elettrodo attivo (in corrispondenza del maggior dolore) mentre l'altro elettrodo viene messo nelle vicinanze.
 Le correnti diadinamiche sono regolate in base alle sensazioni del paziente che segnala la soglia di percezione dello stimolo e della soglia del dolore e non si superano i 10 minuti di seduta.

Le correnti diadinamiche sono indicate per i casi di tendinite (al gomito, polso, spalle, ginocchio e caviglia), per i postumi dolorosi e traumi articolari, per artropatie acute e croniche e per algie muscolari. Per fare questa terapia sono ovviamente controindicati i pazienti portatori di pace-maker, la gravidanza, la stimolazione peri-cardiaca e qualsiasi reazione allergica accertata alla corrente.